Quanto ci influenza il nostro subconscio?

Dell’esistenza del subconscio ne parlò per la prima volta Freud nella sua psicoanalisi. Cosa c’è di interessante? Sapere come e cosa controlla e come riprogrammarlo.

Il subconscio è una parte della nostra mente in grado di assorbire le informazioni che riceviamo e organizzarle in schemi mentali, stabilendo azioni e reazioni. E’ una parte non controllata direttamente da noi che segue da un lato le emozioni e dall’altro una logica basata sulle nostre esperienze passate che si sviluppa attraverso la deduzione.

In particolare Freud pensava che il subconscio fosse guidato dall’istinto e dagli impulsi. Il fine ultimo del subconscio dovrebbe essere quello di portarci alla felicità, ma in alcuni casi non va proprio così: quando non siamo in grado di razionalizzare quello che ci succede, nel subconscio si creano convinzioni sbagliate che ci portiamo avanti nel tempo e che sono alla base poi di situazioni future appunto guidate dal subconscio secondo schemi errati in partenza.

Lo scopo principale del subconscio è la memoria: il subconscio ci aiuta a immagazzinare i dati, i fatti e le esperienze e successivamente andarli a richiamare quando ci è necessario. Più avremo un’attenzione cosciente, un emozione e un interesse verso l’informazione più sarà poi facile richiamarla attraverso il subconscio.

” Il subconscio pensa infatti per associazioni logiche, e più associazioni ho tra le varie impressioni, più sarà facile per il subconscio estrapolare l’informazione quando richiesto.”

Il subconscio è fondamentale anche nel funzionamento del nostro corpo, nella gestione delle nostre emozioni e nelle reazioni derivanti da queste, nelle nostre abitudini e nelle nostra percezione. Questo perché in tutti questi casi si tratta di associazioni che piano piano fissiamo nella mente e che fanno da base interpretativa di quello che viviamo (sia consciamente che inconsciamente).

Ovviamente, nel caso della percezione, saremo influenzati anche da convinzioni, pregiudizi e schemi mentali causati dal contesto, dalla società, etc.

Come fare per cambiare gli schemi

Semplicemente, le abitudini mentali sbagliate vanno sostituite con altre giuste, in cui ci convinciamo dei benefici che trarremmo dalle nuove. Il punto di partenza è però rendersi conto che stiamo attivando degli schemi interpretativi sbagliati, che ci spingono ad azioni che non hanno il fine ultimo della nostra felicità. Una volta capito questo, possiamo comunque intervenire attivamente e consciamente, attraverso stimoli fisici. Tutto deve partire dall’accettazione.

Suggerendo nuove idee alla nostra mente, si creeranno nuove connessioni neurali che ci permetteranno di risintonizzarci con quello che vogliamo veramente e che ci può portare ad una situazione positiva.

Saper cambiare le nostre convinzioni a livello del subconscio significa accrescere la propria consapevolezza, le nostre capacità e come ultimo risultato farci crescere da un punto di vista personale.

 

Fonti:

https://www.scienzaeconoscenza.it

https://www.psicologodinunzio.com/la-potenza-del-subconscio/

 

SEGUIMI SU FACEBOOK

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...